Letto a scomparsa singolo e matrimoniale: quale scegliere

Letto a scomparsa singolo e matrimoniale: quale scegliere

Negli ultimi anni la crisi immobiliare ha fatto sì che gli spazi abitativi degli appartamenti si siano sempre più ridotti ed è nata di conseguenza l’esigenza di rendere confortevoli e pratici anche gli ambienti più piccoli.

Si sono dovute quindi trovare soluzioni che potessero ottimizzare lo spazio di ambienti di dimensioni ridotte come ad esempio dei monolocali, mansarde, loft o taverne.

Per far fronte a queste nuove esigenze di arredo e in seguito ad approfondite ricerche si è arrivati a progettare mobili salvaspazio che consentono di organizzare in maniera estremamente funzionale anche ambienti di pochi metri quadrati, senza assolutamente rinunciare all’estetica.

Una di queste soluzioni è il letto a scomparsa che può essere sia singolo che matrimoniale. Questo tipo particolare di mobile in genere oltre a essere comodo e funzionale, è anche molto bello e raffinato dal punto di vista estetico.

In genere i letti a scomparsa, che siano a una o due piazze, dispongono sempre di un pratico e facile sistema d’apertura, che generalmente è una discesa assistita mediante dei pratici pistoni a gas.

In questo modo, con un gesto semplice e in pochi secondi, si riesce ad aprirlo mediante dei movimenti dolci per far sì che sia rapidamente pronto per andare subito a dormire.

Possibili soluzioni di arredamento

Quelli a una sola piazza in genere si aprono in verticale a partire da una normale parete attrezzata che ha le dimensioni e la forma tale da soddisfare ogni tipo di esigenza di spazio.

Esistono anche delle tipologie orizzontali che prevedono una mensola o uno scrittoio che vanno a sparire al di sotto. Quelli matrimoniali a scomparsa possono essere dei comodissimi divani che si trasformano velocemente in un letto matrimoniale mantenendo l’eleganza e il design di un bel divano, come per la serie Brera di Letti Santambrogio, dove non si intuisce che vi sia un comodissimo letto a due piazze fino alla trasformazione finale da divano a letto.

Oppure possono uscire magicamente dalle pannellature di una graziosa libreria: in questo modo la zona studio diventa in un attimo una vera camera per dormire.

Grazie a una giusta scelta di tessuti e a una corretta personalizzazione, è possibile collocare il letto a scomparsa sia in un ambiente moderno che classico. In conclusione la soluzione dei letti a scomparsa è l’ideale che coloro che hanno l’esigenza di rendere fruibile al massimo il proprio piccolo ambiente abitativo e quindi di disporre di più spazio per il giorno ma che non vogliono rinunciare a dormire in modo confortevole e all’estetica della stanza.

Spesso le proposte di mobili a scomparsa possono anche essere personalizzate in termini di misure e di gusto, al fine di soddisfare ogni specifica esigenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *