Come ristrutturare la cucina: idee e soluzioni ristrutturare cucina

Come ristrutturare la cucina: idee e soluzioni

Se scegliamo una cucina di alta qualità può durare anche per molti anni. Almeno per quanto riguarda i mobili, possiamo dire che di solito possono durare abbastanza nel tempo, a differenza per esempio degli elettrodomestici, che hanno tempi di vita sicuramente inferiori. È pur vero però che con il passare del tempo anche gli elettrodomestici possono perdere la loro efficienza, pur se ancora funzionanti. Inoltre è naturale che dopo alcuni anni cambiano i gusti e le tendenze e può darsi che la cucina che abbiamo scelto non ci soddisfi più totalmente. Quindi avvertiamo il desiderio di cambiare, di rinnovare la cucina e possiamo pensare anche ad una ristrutturazione completa di questo ambiente domestico.

La fase dell’analisi e della progettazione

La fase dell’analisi, che poi porta anche all’elaborazione di un progetto specifico, è molto importante per capire anche cosa vogliamo e quanto vogliamo spendere per la ristrutturazione della cucina. Professionisti del settore e prezzi si possono ottenere chiedendo un preventivo su Preventivone.it. In questo modo sapremo orientarci al meglio, anche sulla base dello studio dello spazio che abbiamo a disposizione.

In particolare nella fase dell’analisi lo studio dello spazio rappresenta un elemento decisamente da non sottovalutare. Non si tratta soltanto di considerare le dimensioni della stanza, ma anche alcuni punti di cui non si può fare a meno, come per esempio la posizione degli attacchi del gas e dell’acqua e poi anche le prese luce e i punti luce.

Tenendo conto di tutti questi elementi si può capire come sarebbe meglio e come ci piacerebbe distribuire i vari elementi nello spazio.

Naturalmente è possibile cambiare anche la disposizione in maniera radicale. A volte per questo potrebbe essere necessario anche eseguire dei lavori in muratura, in modo da riposizionare gli impianti. Per un rifacimento ancora più totale, si può procedere anche a cambiare la pavimentazione.

Le soluzioni da scegliere

A seconda dell’intervento che vogliamo realizzare, bisogna capire anche quali lavori sono necessari. Soltanto dopo che si sono ultimati questi ultimi, possiamo decidere la conformazione nuova da dare alla cucina.

In questo senso ci sono molte possibilità di scelta. Infatti per esempio ci sono le conformazioni classiche in linea retta, quelle che si sviluppano su un’unica parete. Sono delle composizioni poco invasive e per questo possono essere inserite in tutte le stanze, anche all’interno dei living.

Poi ci sono dei modelli ad L o dei modelli ad U, che sono molto belli, ma bisogna sceglierli con attenzione, cercando di calcolare bene gli spazi, in modo tale che si dimostrino delle soluzioni funzionali.

Tra le composizioni più moderne per quanto riguarda la cucina ci sono anche le soluzioni ad isola o a penisola. In questo caso sarebbe meglio che siano adottate soltanto da coloro che dispongono di spazi piuttosto grandi.

Volendo si possono scegliere anche tante cucine in stile minimal, che si contraddistinguono per essere molto compatte. Esistono anche delle soluzioni a scomparsa, per cercare di impiegare il meno spazio possibile.

Ma ci sono anche delle regole molto precise e degli accorgimenti che si possono rispettare per favorire la funzionalità all’interno dello spazio cucina. Ad esempio la lavastoviglie dovrebbe essere sempre collocata vicino al lavello, il lavandino e il piano cottura dovrebbero essere poco distanti, ma non direttamente troppo vicini. Per esempio potrebbero essere separati da un piano di servizio o di lavoro da utilizzare come base di appoggio.

Inoltre è sempre molto meglio non mettere il frigorifero posizionato direttamente accanto al forno o troppo vicino ai fornelli. Meglio suddividere la cucina in varie aree, una dedicata alla cottura, una al lavaggio ed una che sia riservata alla conservazione e alla preparazione dei cibi.