Come raddrizzare un pavimento deformato

Come raddrizzare un pavimento deformato

Il legno risponde ai cambiamenti di temperatura o di umidità deformando, e questa può essere una cattiva notizia per il tuo pavimento in legno. La deformazione si manifesta come spazi tra le tavole, curvandosi ai bordi – un problema indicato come “cupping” – o sporgente nel mezzo, chiamato “crowning”.

La fattibilità del fissaggio del pavimento dipende dal tipo di pannelli per pavimenti e dalla loro storia. Se si dispone di un pavimento in legno ingegnerizzato o se il legno duro è stato precedentemente carteggiato, potrebbe essere necessario sostituire il pavimento.

Cosa causa deformazione

Il legno può deformarsi quando si bagna e si gonfia, poi si asciuga e si contrae. Questo di solito non avviene su pavimenti in legno opportunamente rifiniti perché i pannelli sono protetti dall’umidità, in particolare se una barriera al vapore è stata correttamente installata sul sottofondo. Se la barriera al vapore è inadeguata, o la finitura è eccessivamente consumata, le schede possono assorbire l’umidità.

Quando l’umidità evapora, le schede possono diventare a corona. Possono deformare anche se non si bagnano. Condizioni eccessivamente secche, alte temperature e luce solare diretta possono restringere il legno e creare spazi tra le tavole.

Riparazione di pavimenti a coppa o coronati

Per raddrizzare correttamente i pannelli di pavimentazione che si sono arricciati ai bordi o rigonfiati nel mezzo, è necessaria una tecnica di levigatura aggressiva. Molti raffinatori montano una levigatrice a tamburo con carta a grana 20 e levigano il pavimento in diagonale. Quindi si carteggiano parallelamente alla grana per rimuovere i graffi. Questa procedura può rimuovere fino a 1/16 di centimetro di legno dalle sezioni rialzate delle schede. Successiva levigatura con grana progressivamente più fine di carta vetrata preparare il pavimento per un finale, e ogni passaggio rimuove più legno. Alla fine, raddrizzare un pavimento fortemente deformato può costare fino a 1/4 di centimetro del suo spessore.

Spazi vuoti

Riempire un pavimento non deve essere un lavoro che richiede tempo. Il riempitivo per pavimenti in lattice è adatto a fessure larghe fino a 1/4 di pollice e può essere facilmente distribuito diluendo in una consistenza versabile e utilizzando un galleggiante di gomma per stuccare. Il momento migliore per riempire è prima di carteggiare, perché tutto ciò che è rimasto della vecchia finitura del pavimento rende più facile la diffusione dello stucco. Il riempitivo di lattice si incrina in spazi più larghi di 1/4 di centimetro, quindi richiedono un trattamento con stucco epossidico. A differenza del lattice, lo stucco epossidico è difficile da carteggiare, quindi applicarlo dopo la prima mano di finitura e mantenere l’eccesso al minimo.

E se il pavimento è coronato?

Cause di coronamento

Il legno è un materiale vivo e continua a rispondere all’ambiente anche dopo averlo inchiodato a un sottofondo. Coronamento e coppettazione sono risposte naturali all’assorbimento dell’umidità e una certa quantità di entrambi i difetti è generalmente considerata accettabile. L’incoronazione diventa un problema quando una condizione estrema, come un tubo rotto o un’eccessiva umidità nella stanza, fa sì che i centri delle tavole si alzino abbastanza in alto da risultare ovvi e sgradevoli. Quando le tavole si restringono mentre si asciugano, si possono formare grosse lacune, aggiungendo all’aspetto sgradevole del pavimento.

Asciugare il pavimento

Devi asciugare completamente un pavimento per coronamento prima di poterlo riparare. Ciò potrebbe comportare l’esecuzione di un deumidificatore nella stanza se l’umidità eccessiva ha causato il difetto. Potrebbe anche essere necessario ventilare la parte inferiore del pavimento, magari facendo girare una ventola nel seminterrato o facendo spazio per gattonare. Le assi del pavimento si restringeranno probabilmente mentre si asciugano, ed è meglio che ciò avvenga prima di effettuare riparazioni che dopo. Se decidi che riparare il pavimento vale lo sforzo di levigarlo, sarai in grado di riempire gli spazi vuoti come parte della procedura.

Fattibilità della riparazione

Prende una levigatrice per pavimenti e una grana grossa di carta vetrata per appiattire un pavimento coronato, e potrebbe essere necessario rimuovere fino a 1/4 di pollice dalle tavole, a seconda della quantità di ordito. Questo è possibile solo con tavole in legno massello; probabilmente distruggerete le tavole ingegnerizzate indossando la loro impiallacciatura. Anche un pavimento solido potrebbe non essere un buon candidato per questa procedura se è stato levigato prima, perché le parti superiori delle scanalature potrebbero già essere troppo sottili. Un esame di una sezione trasversale del pavimento in una porta dovrebbe aiutarti a misurare lo spessore e la composizione delle tavole.

La procedura di riparazione

I raffinatori utilizzano una tecnica di levigatura aggressiva per appiattire le assi deformate. Si adattano a una levigatrice a tamburo con carta abrasiva a grana 20, che è la più ruvida disponibile, e fa scorrere la levigatrice diagonalmente sul pavimento. La carta ruvida rimuove una grande quantità di materiale, ma crea anche graffi a grana trasversale, quindi è importante eseguire la macchina parallelamente alla grana con la stessa carta una volta completato il passaggio diagonale. Due o tre passate parallele con carta progressivamente più fine levigano il pavimento e lo rendono pronto per la finitura. Levigare i bordi con una molatrice per pavimenti, utilizzando la stessa granulosità della carta vetrata utilizzata per la levigatrice a tamburo, garantisce uniformità nell’aspetto del pavimento

Ultime considerazioni

Il tuo pavimento potrebbe non essere un buon candidato per la rifinitura. Un fattore decisivo è la composizione delle pedane stesse. Se sono progettati, è improbabile che l’impiallacciatura sopravviva alla procedura di levigatura necessaria per raddrizzarli. Allo stesso modo, è possibile consumare pannelli solidi precedentemente carteggiati in modo da farli rompere ai bordi. In entrambi i casi, la sostituzione del pavimento è probabilmente l’opzione migliore. Inoltre, se il pavimento ha subito danni a causa di una barriera al vapore inadeguata, non si può avere altra scelta che rimuovere la pavimentazione e distribuirne una nuova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *